Diffidare dagli acquisti di integratori online

Da qualche anno si registra un incremento degli acquisti “online” di integratori alimentari da associare alla propria dieta.
La percentuale di coloro che usano il web, come fonte di informazioni mediche, è passata dal 2,8% al 13,1%.
Il consumo di questi pseudo farmaci o integratori ha raggiunto  in Italia , nel giro di pochi anni, quasi 2 miliardi di fatturato.
Più del 30% di questi prodotti, acquistati online, contengono principi attivi e/o sostanze funzionali non consentite e la cui presenza non è certificata né sulla confezione e neanche sul sito di chi li vende.
Il Ministero della Salute  consiglia quindi l’acquisto di questi prodotti solo in farmacia e soltanto dopo aver consultato il proprio medico di fiducia.
E’ necessario comprendere che l’integratore è pur sempre in grado di apportare macronutrienti energetici, quali proteine e carboidrati, e micronutrienti, quali sali minerali e vitamine, quindi andrebbe assunto solo quando se ne rileva un effettivo fabbisogno.

Detto ciò il nostro auspicio, decisamente in linea con la nostra filosofia di trasparenza e correttezza, può essere riassunto in semplici consigli quali:

  • Acquistare il prodotto solo in farmacia e dietro il consiglio medico
  • Leggere attentamente l’etichetta per controllarne i dosaggi
  • Verificare che non vi siano sostanze dopanti
  • Accertare che l’azienda produttrice sia nell’elenco fornito dal Ministero della Salute
  • Distinguere le informazioni scientifiche da quelle pubblicitarie